Come pulire i filtri del tuo climatizzatore

La bella stagione è finalmente arrivata e con essa la necessità di rinfrescare gli ambienti domestici. Se non hai già previsto una pulizia dei filtri del tuo climatizzatore, questo è il momento giusto per rimediare.

Una pulizia regolare dei filtri del dispositivo è, infatti, utile per diversi motivi. Innanzitutto, aiuta a garantire una qualità dell’aria ottimale filtrando allergeni, polveri sottili e batteri che possono compromettere la salute delle persone. Inoltre, una manutenzione frequente aiuta a mantenere alte le performance del climatizzatore andando a ritardare l’usura dei suoi componenti interni prevenendo, quindi, potenziali guasti.
Infine, mantenendo i filtri costantemente puliti, si assicura un funzionamento efficiente del dispositivo andando a ridurre, di conseguenza, i costi energetici. 


Se, a questo punto, ti stai chiedendo con quale frequenza pulire i filtri ma, soprattutto come, continua a leggere questo articolo.


Quando e quante volte pulire i filtri del climatizzatore?


Per rispondere a questa domanda in maniera accurata, bisognerebbe conoscere il modello specifico del prodotto. In alcuni dispositivi all’avanguardia, infatti, sono previsti sistemi di autopulizia che riducono al minimo la necessità di manutenzioni periodiche. Consigliamo, in ogni caso, di prevedere un regolare controllo ai filtri anche se si possiede un prodotto cosiddetto smart.

 

Dai un’occhiata al climatizzatore Mitsubishi Serie AY. Il sistema integrato Dual Barrier Coating e il Self clean mode aiutano a prevenire la formazione di muffe e il depositarsi della polvere.

 

I filtri dei climatizzatori andrebbero, di norma, puliti almeno una volta all’anno. Tuttavia, molto dipende anche dall'utilizzo che si fa del prodotto: per un dispositivo utilizzato per riscaldare d’inverno e rinfrescare d’estate, si consiglia di procedere alla pulizia in corrispondenza del cambio stagione, e quindi due volte all’anno.

Spesso, a influenzare la frequenza della pulizia sono anche le condizioni ambientali in cui si vive: in zone caratterizzate da elevati livelli di inquinamento o da massiccia presenza di allergeni, la pulizia richiesta potrebbe addirittura essere più frequente.
Infine, ci raccomandiamo, qualora fosse necessario, di prevedere anche una manutenzione professionale periodica con l’intervento di un tecnico che si assicurerà del corretto funzionamento del dispositivo massimizzando l’efficienza energetica.

Come pulire i filtri del climatizzatore

Ogni dispositivo è diverso. Vi consigliamo, perciò, di leggere sempre attentamente il manuale d’uso del prodotto prima di iniziare l’operazione di pulizia.
In linea generale, possiamo individuare dei passaggi comuni a tutti i modelli di climatizzatori.

La prima cosa da fare è spegnere il dispositivo e scollegarlo dalla presa elettrica per scongiurare eventuali rischi e pericoli.
Una volta messo in sicurezza il dispositivo, sarà necessario individuare la posizione dei filtri. Spesso sono localizzati dietro a un pannello apposito nella parte anteriore dell’unità interna. In caso di dubbi, consigliamo di fare riferimento al manuale d’uso.
A questo punto, si potrà procedere con la rimozione dei diversi filtri previsti dal dispositivo in uso, avendo cura di utilizzare gli strumenti più adatti per smontarli senza danneggiarlo.

 

Dai un’occhiata al climatizzatore Daikin Perfera All Season che con la combinazione di 4 filtri esclusivi garantisce una migliore qualità dell’aria.

 

Prima di procedere con la pulizia, è opportuno valutare lo stato dei filtri e il materiale con cui sono prodotti. In caso, ad esempio, di filtri che non possono essere detersi con acqua, si consiglia una pulizia a secco utilizzando spazzole con setole morbide, un panno umido e/o getti d’aria per rimuovere la polvere depositata.
Qualora, invece, sia possibile pulire i filtri con dei liquidi si consiglia di immergerli in acqua tiepida utilizzando detergenti specifici o delicati e rimuovendo lo sporco con l’utilizzo di una spugna.
In alternativa, o come ultimo step si consiglia di utilizzare spray igienizzanti e deodoranti adatti al materiale con cui sono prodotti i filtri.


Terminata l’operazione di pulizia, si consiglia di far asciugare i filtri completamente all’aria prima di reinserirli nell’unità interna. In questa fase è di fondamentale importanza assicurarsi che siano completamente asciutti al fine di evitare la formazione di muffe.
Infine, i filtri ben asciutti possono essere nuovamente installati all’interno dell’unità assicurandosi che siano ben fissati al fine di evitare spiacevoli contaminazioni dall’ambiente esterno. Consigliamo, anche per quest’ultimo passaggio, di seguire le istruzioni del manuale d’uso del prodotto.

Se, invece, nel tuo caso una pulizia non basta ed è arrivato il momento di sostituire il tuo climatizzatore obsoleto, su risud.it potrai trovare una vasta scelta di prodotti dei marchi più prestigiosi: Daikin, Mitsubishi, Samsung e tanti altri…

Visita lo shop